Novità a Caorle: scopri tutte le news
Call: +39 0421 81251 web partner dell'Associazione Albergatori di Caorle A.C.A
0 Notti
1 Risorsa 2 Adulti 0 Bambini
 
 
L'età che abbiamo preimpostato per i bambini è 12 anni. Se inserisci l'età corretta potresti anche trovare prezzi migliori.

Controlla le offerte e prenota la tua vacanza con Il booking ufficiale dell'Associazione Albergatori Caorle

INVIA UNA RICHIESTA per un preventivo o accedi alle liste complete degli  HOTEL-B&B, APPARTAMENTI, VILLAGGI

Si impreziosirà di altri tre capolavori la “Scogliera Viva” di Caorle. Da giovedì 21 a sabato 30 giugno gli appassionati d'arte potranno ammirare tre artisti all'opera che ricaveranno, dagli informi massi della scogliera di Caorle, tre sculture che andranno ad aggiungersi alle altre cento che compongono il museo all'aperto della località balneare. Ritorna, infatti, l'appuntamento con “Scogliera Viva”, il premio internazionale di scultura all'aperto che raggiunge quest'anno la diciannovesima edizione. Ben 214 artisti di fama internazionale avevano presentato la propria candidatura per il simposio: all'appello di Caorle avevano risposto scultori da Cina, Sudafrica, Brasile, Iran, Argentina, India, Germania, Giappone, insomma da tutto il mondo. La giuria, che Scogliera vival'amministrazione comunale ha nominato in collaborazione con l'associazione culturale Moca, ha però scelto i progetti di tre artisti: il tedesco Markus Wüste, l'italiano Federico Ellade Peruzzotti e l'indiano Sangam Vankhade. Il primo scolpirà un materassino ad aria a grandezza naturale che si adatterà alla forma della roccia così come un materassino si adatta alle onde del mare, il secondo produrrà, invece, un'opera astratta che modificherà la pietra “da naturale ed artificiale, rendendo evidente la lavorazione da parte dell'essere umano”. L'artista indiano, infine, ha deciso di ricreare una versione in miniatura di un sito storico indiano con l'obbiettivo di preservarne il ricordo e di denunciare l'incuria che quest'importante reliquia del passato si trova a dover subire a causa della sregolata urbanizzazione. Oltre a poter creare le proprie sculture, ai tre vincitori del simposio sarà consegnato un premio in denaro del valore di 2000 euro ciascuno. Come da tradizione, la serata conclusiva della manifestazione (sabato 30 giugno verso le 21.30) sarà impreziosita dalla cerimonia ufficiale di presentazione delle opere durante la quale non mancheranno la proiezione delle fasi di lavorazione delle sculture e musica dal vivo. Pur essendo suggestiva anche l'ultima serata, niente può però superare l'emozione regalata dal lavoro dell'artista che chiunque potrà osservare dalla bella passeggiata durante il simposio.

Per chi ancora non conoscesse le origini di “Scogliera Viva”, ebbene, esse risalgono al 1992 quando lo scultore trevigiano Sergio Longo per primo intuì le potenzialità artistiche dell'informe difesa a mare, trasformando uno dei massi nel dio Nettuno ed accompagnandolo l'anno seguente con una ninfa. Queste due prime sculture suscitarono un tale interesse che l'allora amministrazione comunale decise di dar vita al simposio di scultura all'aperto, inizialmente a cadenza annuale e poi biennale, che in questi anni ha trasformato la scogliera in una galleria d'arte, realizzata da scultori provenienti da tutto il mondo.

 

Aqua Follie

SCOPRI ORA

Il Faro, lingua e cultura

SCOPRI ORA

Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalita' d'uso dei cookie. Se prosegui nella navigazione in questo sito acconsenti all’uso dei cookie.