Un viaggio per mare della Madonna dell'Angelo

 In occasione dell'apertura della Porta Santa del Santuario.

portaS3Lo scorso anno Caorle si colorò di bianco ed azzurro e si arricchì di decorazioni, bandierine, festoni per la festa quinquennale della Madonna dell'Angelo, con la sua caratteristica processione via acqua. Purtroppo, a causa del maltempo, la Statua della Vergine fu accompagnata, a bordo della Caorlina grande (l'imbarcazione a remi simbolo della marineria caorlotta) solamente fino alla foce del Livenza, senza raggiungere il Santuario via mare. Quest'estate si presenterà però un'occasione unica per poter vedere la Madonna dell'Angelo solcare le onde dell'Adriatico con quattro anni di anticipo rispetto alla prossima festa quinquennale che si terrà nel settembre 2020. Ora vi spieghiamo il perchè.

In occasione del Giubileo della Misericordia indetto da papa Francesco, la parrocchia Santo Stefano di Caorle ha richiesto al patriarca di Venezia di concedere al Santuario l'onore di avere una “Porta Santa” durante il periodo estivo. Ed il patriarca Francesco Moraglia ha accolto questa richiesta stabilendo che dal 9 luglio al 4 settembre, la porta del Santuario della Madonna dell'Angelo sarà insignita del titolo di Porta Santa al fine di favorire la concessione dell'indulgenza ai tanti turisti presenti in città.

La data del 9 luglio non è stata scelta a caso, visto che proprio quel sabato (e la domenica seguente) “cade” la Festa Annuale della Madonna dell'Angelo, ricorrenza con la quale la città di Caorle rinnova il Voto che i suoi antenati fecero alla Vergine nel lontano 1741. In quell'anno, infatti, la Repubblica Serenissima di Venezia aveva deciso di privare i caorlotti dei diritti di pesca esclusivi sui canali della laguna di Caorle.

Caorle festa della Madonna 67

Una tale decisione avrebbe privato la cittadinanza dell'epoca dell'unica fonte di reddito: ecco perchè la popolazione decise di invocare la protezione della Vergine auspicando che la Madonna potesse far cambiare idea al Doge veneziano, come poi effettivamente avvenne. Per ringraziare per la grazia ricevuta, i caorlotti si impegnarono ad organizzare ogni anno una celebrazione dedicata alla Madonna dell'Angelo che inizialmente si teneva in settembre ma che successivamente venne anticipata al secondo fine settimana di luglio.

Ebbene, come tutti sanno, da ormai diversi anni questa festa prevede due processioni notturne a piedi, dal Santuario al Duomo di Caorle il sabato e dal Duomo al Santuario la domenica, entrambe salutate dallo spettacolare “incendio del campanile” con fuochi artificiali di colore rosso.

mappaProcessioneVista però l'importanza dell'apertura della Porta Santa, il calendario delle celebrazioni liturgiche è stato sensibilmente modificato dalla parrocchia Santo Stefano.

Si comincia alle 18.30 di sabato 9 luglio con una processione a piedi dal Duomo al Santuario, condotta dal patriarca di Venezia che officerà poi il rito di apertura della Porta Santa. Una volta conclusa la celebrazione, i portantini, vestiti di bianco ed azzurro, si caricheranno sulle spalle la Statua della Madonna e la accompagneranno fino al vicino imbarcadero della “Sacheta” dove ad attendere la Vergine ci sarà la “Caorlina” con i suoi Vogadori, abbigliati con i colori tradizionali.

L'imbarcazione compirà il tragitto via mare dal Santuario fino alla foce del Livenza, risalirà per un breve tratto il fiume prima di solcare le placide acque del Canale dell'Orologio fino al porto peschereccio sul Rio Interno. Lo sbarco a terra della Madonna dell'Angelo è atteso per le 20.30, nei pressi della colonna mariana di via Strada Nuova: da qui partirà un corteo che arriverà fino al Duomo, dove sarà celebrata la Messa delle 21. Al termine, spazio al folclore con l'atteso “incendio del campanile”.

Per quanto riguarda la giornata di domenica, invece, il programma delle celebrazioni sarà quello tradizionale: dopo la Messa delle 21, la Statua della Vergine sarà accompagnata in processione a piedi fino al Santuario e l'uscita dalla chiesa sarà salutata dal secondo “incendio” della torre campanaria.

Caorle festa della Madonna 35

 

 

Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalita' d'uso dei cookie. Se prosegui nella navigazione in questo sito acconsenti all’uso dei cookie.