Veronica si laurea con Caorle.it

Il web ed i Social Network rappresentano ormai il futuro della promozione di ogni località turistica.

Grazie a Caorle.it ed al suo affiatato staff, anche la Perla dell'Adriatico ha avviato un importante percorso che sta trasformando l'immagine della località. A studiare l'importanza di questo fenomeno è stata Veronica Marchesan che lo scorso 24 marzo si è laureata alla “School of Economics and Statistics” dell'Università Alma Mater Studiorum di Bologna. Veronica, che ha frequentato il campus di Rimini dove si teneva il corso di laurea in “Tourism, economics and management”, è una valente collaboratrice di Caorle.it per la quale cura la gestione dei profili “social” del portale web. Anche grazie alla sua conoscenza dei risultati di Caorle.it, Veronica ha potuto redigere una tesi dal titolo “E-tourism and social media (marketing). The case of Caorle”, interamente scritta in lingua inglese, così come, peraltro, era stato tutto il corso di laurea magistrale, al quale ogni anno si iscrivono studenti provenienti da ogni parte del mondo (Europa, Pakistsan, Sudamerica) e con insegnanti anch'essi provenienti da ogni angolo del globo (Cina, Inghilterra e non solo).

TesiVera

“E' stata un'esperienza davvero significativa – ha raccontato Veronica – perchè mi ha permesso di conoscere studenti provenienti da tutto il mondo, di ottenere un titolo di studio riconosciuto come master a livello internazionale e di analizzare il fenomeno sempre più importante dell'E-tourism”. Nella sua dissertazione, Veronica ha compiuto una analisi verticale dei dati relativi a Caorle, flussi di arrivo, presenze turistiche, ha verificato i dati dell'indagine demoscopica “Rileva Caorle”, ed ha registrato i dati “informatici” delle strutture turistiche di Caorle, prima di approfondire i dati del portale Caorle.it

Concentrandoci su quest'ultimo dato è emerso che tra il 2013 ed il 2014, Caorle.it ha avuto una media di visualizzazioni di pagine superiore alle 2.120.000, con un numero di sessioni (ovvero il periodo di tempo in cui un utente interagisce con il sito web, con l'app, ecc...) che è cresciuto dalle 588.331 del 2013 alle 627.179 del 2014. Per quanto riguarda gli utenti, Caorle.it ne ha contati quasi 340.000, un numero che lo colloca di diritto al primo posto tra i portali che parlano della città, oltre che tra i primi posti dei siti specializzati dedicati ad una località balneare italiana.

“Sono numeri che testimoniano una crescita dell'interesse verso i contenuti di Caorle.it – spiega Veronica – e questo è merito del continuo aggiornamento dei contenuti del portale e dei profili social che Caorle.it ha attivato”. Analizzando il fenomeno Caorle.it, Veronica ha potuto individuare nella sua tesi un'idea di promozione turistica che, superando i canali della pubblicità tradizionale, lavora con i “social-network”: Facebook, Twitter ed Instagram.

“Gestendo in maniera adeguata i social-network, una località ma anche una azienda privata, può incrementare l'appeal e l'interesse dei potenziali visitatori. Si tratta di una forma promozionale diversa, a basso costo, e che sfrutta il sistema della condivisione di contenuti. Pubblicando una fotografia o una particalare notizia è possibile che questa viaggi all'interno della community del social network in questione, raggiungendo un numero amplissimo di visitatori, potenzialmente globale”. Si tratta, insomma, di qualcosa di ben diverso rispetto ad un cartello pubblicitario posizionato lungo una strada o di un volantino. “Non c'è paragone. Faccio un esempio: la fotografia pubblicata sulla pagina Facebook di Caorle.it a fine dicembre 2014 che mostra la città ricoperta da una coltre di neve ha ottenuto ben 54mila visualizzazioni, è stata condivisa 237 volte, ha ottenuto 837 “likes” ed oltre una trentina di commenti. La pagina Facebook di Caorle.it ha ottenuto, in generale, oltre 72mila “likes” in poco meno di tre anni dall'apertura, ed i numeri sono in costante crescita, così come quelli del profilo twitter (social network che ha una maggiore diffusione nel nord Europa) che ad oggi conta 5.500 followers. Dai social network poi basta un semplice click per accedere al portale web vero e proprio”. 

Per poter ottenere un risultato dalla promozione attraverso i social, è però necessario, come ha giustamente osservato Veronica, che venga curato l'aggiornamento dei profili e che vengano inseriti contenuti accattivanti. “Per le aziende è fondamentale cominciare una promozione anticipata rispetto a quella fino ad oggi attuata. E' emerso che sui social, i “post” relativi a mete vacanziere sono cliccati e visualizzati soprattutto tra settembre e dicembre. 

TesiVera1

Per gli albergatori, dunque, è fondamentale che, non appena venga chiusa l'attività, cominci la promozione sui social inserendo contenuti sempre aggiornati, così come devono essere costantemente aggiornati i siti web delle attività. Questo è fondamentale, soprattutto, per catturare il turista straniero che non usa certamente il telefono per una prenotazione”. C'è quindi ancora bisogno di lavorare (i dati analizzati da Veronica spiegano che su 146 strutture alberghiere a Caorle, il 54,7% ha una pagina Facebook, meno del 40% ha un link che dal website rinvia alla pagina Facebook e che ancora minori sono i profili twitter ed i canali youtube), e Caorle.it, da questo punto di vista, è sicuramente il portale che più si sta distinguendo per innovazione e periodicità dell'inserimento di contenuti.

 

“Questo sistema promozionale, se attuato dagli operatori, porta benefici per tutta la località” ha concluso Veronica alla quale tutto lo staff di Caorle.it vuole porgere le più sincere congratulazioni per il brillante traguardo conquistato con la sua laurea.

Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalita' d'uso dei cookie. Se prosegui nella navigazione in questo sito acconsenti all’uso dei cookie.