Ca' Corniani terra d'avanguardia per il turismo in bicicletta
Call: +39 0421 81251 web partner dell'Associazione Albergatori di Caorle A.C.A

Un paradiso per gli amanti delle bici a poche pedalate dalla spiaggia di Caorle. Stiamo parlando del borgo di
Ca’ Corniani e dell’omonima tenuta che negli ultimi mesi ha subito un consistente intervento di
valorizzazione paesaggistica realizzato da Genagricola, la holding agroalimentare del Gruppo Generali.
Quest’opera, frutto del lavoro dell’architetto Andreas Kipar dello studio internazionale Land, ha aperto al
cicloturismo tutto il meraviglioso entroterra di Caorle. Sono già stati realizzati, infatti, 10 chilometri di piste
ciclabili ai quali se ne aggiungeranno altri 22 chilometri in autunno: questa nuova pista permetterà
un’agevole connessione tra la spiaggia e la tranquilla, silenziosa, buona terra coltivata della tenuta di Ca’
Corniani, che con i suoi 1770 ettari è una delle più grandi aziende agricole italiane. Percorrendo queste
piste, affiancate da alberi recentemente piantumati (ben sette sono i chilometri di nuovi filari arborei), è
possibile scoprire i segreti di questo lembo di terra, così come i suoi edifici storici, tra cui la vecchia
idrovora, oggi convertita in museo dotato di installazioni multimediali. Altre novità da scoprire sono i nuovi
boschi (ne sono stati piantumati circa tre ettari) ed i cinque chilometri di strisce d’impollinazione, con
fioriture scalari per il periodo primaverile ed estivo, che dovrebbero garantire un ripopolamento delle api,
preziosi insetti da tempo a rischio a causa dell’azione antropica. Sempre al fine di garantire a tutti la
possibilità di fruire di questo territorio, è stata anche realizzata una ciclostazione dove è possibile affittare
delle biciclette: si potrà quindi raggiungere con l’auto il comodo parcheggio posto in prossimità dell’edificio
che ospita la ciclostazione (realizzato con pannelli colorati che rievocano i colori di questo territorio, il verde
ed il giallo dei campi coltivati ed il marrone della terra) e poi salire in sella alle bici, eventualmente
usufruendo del punto di ristoro e dei punti di sosta attrezzata messi a disposizione di tutti gli utenti. Il
percorso delle piste ciclabili, una volta completato, permetterà anche di ammirare le tre opere di “land art”
che sono state installate ai confini della tenuta di Ca’ Corniani. Le tre simboliche “soglie” sono state ideate e
realizzate dall’artista Alberto Garutti, vincitore del concorso nazionale che Genagricola ha lanciato alla
Triennale di Milano del 2017. La soglia Nord, in località Ca’ Cottoni, è stata impreziosita grazia alla
riqualificazione di un casale abbandonato risalente alla fine del 1700 il cui tetto è stato sostituito con una
installazione dorata che brilla con differenti tonalità in base all’intensità della luce ed all’ora del giorno. La
soglia Ovest, posta in prossimità della Livenza Morta, ha visto la posa di una serie di sculture in resina
acrilica e polvere bianca che riproducono fedelmente i cani ed i cavalli di uno dei poderi della tenuta di Ca’
Corniani. La terza soglia, ad Est, è stata ricavata in prossimità dello storico ponte delle bilance: si tratta di
una scritta di illuminata installata tra i campi su una struttura metallica di sostegno che, tramite un
dispositivo di regolazione collegato con il Cesi (Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano), aumenterà
l’intensità dell’illuminazione ogni volta che un fulmine colpirà il territorio italiano. Da non perdere,
ovviamente, anche il centro aziendale di Genagricola con la sua cantina restaurata: tra filari di botti
illuminate di luci colorate, una sala polifunzionale con un suggestivo tetto in legno, ci sarà sicuramente
tempo per degustare, nella sala cantina-degustazioni, alcuni degli ottimi vini prodotti con uve coltivate a Ca’
Corniani ed in altre tenute della zona, sempre di proprietà di Genagricola.
Ca’ Corniani, insomma, si candida a diventare una vera e propria mecca per tutti gli amanti del cicloturismo
e del turismo enogastronomico.

Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalita' d'uso dei cookie. Se prosegui nella navigazione in questo sito acconsenti all’uso dei cookie.